venerdì 30 novembre 2012

El Pais, cosi il Governo tedesco pignora il Sud Europeo per le proprie banche indebitate

Il professore di Diritto Manuel Ballbé e l'avvocato Yaiza Cabedo hanno firmato per El Pais un articolo in cui spiegano in maniera lucida e chiara come l'austerità imposta dalla Germania ai Paesi meridionali d'Europa corrisponda a un preciso piano delle banche tedesche per risolvere i loro buchi di bilancio dovuto al capitalismo casinò degli ultimi anni.
Lo dicono chiaramente sin dall'incipit: "Gli economisti ripetono fino alla sazietà che l'imposizione merkeliana dell'austerità è un errore, ma continuano a non capire che si tratta di una truculenta strategia del Governo e della banca tedesca per svaligiare il sud dell'Europa allo scopo di tappare l'enorme buco finanziario tedesco, Questa spoliazione è possibile grazia a una deregulation giuridica che dal 2000 ha spodestato il capitalismo produttivo con un "mercato casinò", senza controllo amministrativo, in cui è stato soppresso il reato d'informazione privilegiata e che funziona attraverso scommesse in cui non bisogna identificarsi. Questa borsa privata e senza trasparenza, localizzata a New York e Londra, è in mano di un cartello composto da sei megabanche nordamericane e sei europee, tutte fallite e salvate dai loro Governi, cioè, dai contribuenti".
Partendo da questa premessa, il j'accuse contro la Germania spiega che "la causa della crisi spagnola non è stata né la bolla immobiliare spagnola né l'indebitamento, né l'indisciplina fiscale. La bolla è stata ipotecaria, cioè sul vendere e rivendere mutui tossici sul mercato. E Deutsche Bank è stata una delle maggiori implicate". Secondo El Pais è stata la banca tedesca a collocare questi prodotti ai propri clienti, sapendo che avrebbero perso denaro, e per questo è stata condannata in Germania, nel 2011 ("i cittadini tedeschi sono state le prime vittime delle proprie banche" commentano Ballbé e Cabedo).
Ed è ancora la Germania ad aver promosso "le scommesse contro il debito del sud. Deutsche Bank è stata uno degli artefici di questo nuovo Merk-ato del debito sovrano e del suo indice dei prezzi Markit, che ha fatto balzare gli attacchi speculativi". Il meccanismo è facile da spiegare: "Goldman Sachs ha dato consulenze alla Grecia per nascondere il suo debito, in modo da entrare nell'euro, poi, con quest'informazione privilegiata, ha scommesso, insieme a Deutsche Bank, che la Grecia sarebbe affondata. Attaccare i Paesi del sud è stata la formula di Governo e banche tedesche per recuperare le perdite delle loro banche ludopate". 
L'attacco speculativo verso il sud è dovuto, secondo l'articolo, alla filtrazione di un rapporto confidenziale del supervisore finanziario tedesco BaFIN, per il quale gli attivi tossici presenti in Germania nel 2009 erano pari a 800 miliardi di euro; con questi dati sarebbe stato chiaro a tutti che la Germania aveva tentato, fallendo, di sostituire il suo prestigioso capitalismo d'impresa con quello, fallito, finanziario e, "invece di processare i responsabili ha serrato le file e iniziato il discredito dei Paesi del sud, per distrarre l'attenzione".
Le banche tedesche, sull'orlo del fallimento per le loro politiche casinò, sono state salvate dal Governo (tra loro ci sono Hypo Real Estate, Industriebank, Dresdner Bank, assorbita dalla salvata Commerzbank, che ha ricevuto un aiuto di 100 miliardi di euro, è per il 25% controllata dal Governo e ha già restituito 14 miliardi di euro, "da dove ha ottenuto benefici, se non scommettendo sull'informazione privilegiata fornita dal suo stesso Governo?"). In tutto questo c'è una pesante conseguenza, che ha trasformato gli stessi Governi coinvolti, tedesco, britannico, svizzero e nordamericano, diventati co-banchieri, che "adesso giustificano il prolungamento degli attacchi speculativi perché hanno bisogno che queste banche ottengano rapidi guadagni per restituire il denaro iniettato".
Il funzionamento di un attacco speculativo viene spiegato prendendo come esempio il caso dell'impero mediatico tedesco Kirch. "Nel 2001 i dirigenti di Deutsche Bank (Ackermann e Baumann) diffusero il falso rumore che il gruppo non avrebbe potuto pagare il proprio debito e non avrebbe ottenuto i finanziamenti (vi suona?). Provocarono il maggior fallimento contemporaneo per impossessarsi di Kirch. Nel 2011 la giustizia tedesca ha ha chiarito i fatti e il presidente Ackermann, intimo amico di Merkel, si è dimesso e ha proposto un indennizzo di 1 miliardo di euro per mettere a tacere lo scandalo.
La Grecia e la Spagna, dunque, vittime della voracità delle banche tedesche ancora dopo le stesse imprese tedesche.
Ballbé e Cabedo spiegano in cinque punti come la Germania ottiene vantaggi dall'attacco al sud e alla Spagna, in particolare:
"1 genera rumors, per far aumentare gli interessi che pagherà la Spagna quando chiederà denaro in prestito
2 impone le privatizzazioni di imprese redditizie (aeroporti, AVE, lotteria...), che, se il Governo non resistesse, passerebbero al Nord a prezzo di saldi
3 provoca l'asfissia creditizia per svalutare le azioni delle multinazionali (Telefónica, Iberdrola, Repsol, Gas Natural…), affinché possano impossessarsene gruppi tedeschi
4 ma la cosa più redditizia, al propagare il panico finanziario, che è reato, è la fuga di capitali per paura di un corralito. Dalla Spagna sono usciti in otto mesi 330 miliardi di euro, a cui bisogna sommare gli equivalenti di Grecia e Italia, che finiscono nelle banche di Svizzera, Lussemburgo, Planda e Germania, cifre "senza precedenti", secondo Bloomberg. L'austericidio genera grandi guadagni".
A questa politica di spoliazione di banche e Governo tedeschi, non sa opporsi la Commissione Europea, "che non indaga su chi siano i beneficiari dell'attacco speculativo che sta pignorando gli Stati del sud" (El Pais nota che il commissario Almunia sta facendo finta di niente davanti "a questa manifesta violazione del diritto di concorrenza. Ma sappiamo che il suo predecessore, Lord Brittan, disegnatore del mercato casinò con la Thatcher, è stato sistemato come vicepresidente della UBS. Un altro vicepresidente della UE, Solbes, è adesso consulente di Barlays".
Cosa rimane da fare? "Il Governo tedesco, il grande pignoratore d'Europa, intende appropriarsi del capitale del sud fino alle elezioni del 2013. La Spagna deve resistere al rescate draconiano e reagire per smascherare questa politica perversa di austerità con mobilitazioni e denunce giudiziarie. Il Tribunale della UE considera giustificata la restrizione della libera circolazione di capitali se "mette in pericolo l'equilibrio finanziario delle politiche sociali". Ancora di più se questa speculazione mette in pericolo la sovranità economica e la stabilità di un Paese membro. Stiamo presenziando passivamente alla distruzione del mercato unico europeo e all'imposizione di un mercato unico euro-tedesco".